Ematologo a domicilio Roma Appia 

Cerchi un Ematologo per una visita o test a domicilio nelle zone di Roma Appia?

L’Ematologo è un medico internista specialista in Ematologia. E’ possibile ricevere la visita di un Ematologo altamente qualificato a domicilio direttamente nella propria abitazione, nel proprio ufficio oppure in hotel a seconda delle tue esigenze.
I vantaggi di una visita ematologica a domicilio Roma Appia sono diversi:
– La comodità di non doversi spostare, perdere tempo prezioso, e ricevere direttamente a casa, in ufficio, in hotel o altrove il medico specialista.
– La comodità di ottenere orari flessibili consoni ai propri impegni.
– Ottenere una visita accurata, una diagnosi completa, attenta e scrupolosa nella comodità di casa propria.
– Assenza di lunghi tempi di attesa.
– Ottenere una terapia personalizzata direttamente a casa e discuterne con il medico senza avere l’angoscia e l’ansia che dopo di te ci sia immediatamente qualcun altro che deve essere visitato dal medico.

Ematologo a domicilio Roma Appia

Dott. Ematologo Mario Rossi

Specializzato in ….

Roma – Appia Tel. 333 …

www.mariorosi…

Chi è l’Ematologo e quali sono i suoi campi d’azione

L’Ematologo è un medico internista specializzato in Ematologia. L’Ematologia è quella branca specialistica della medicina interna che si dedica allo studio del sangue e degli organi che compongono il sistema emopoietico.
L’Ematologo studia specificatamente le cause, fa la diagnosi, da la terapia, da una prognosi e si occupa della prevenzione delle malattie del sangue e degli organi appartenenti al sistema ematopoietico: il midollo osseo, la milza, il timo e i
linfonodi.
L’Ematologo si occupa:
– Dello studio delle malattie dei globuli rossi e del metabolismo del ferro.
– Dello studio della coagulazione del sangue e di tutte le sue patologie come ad esEmpio l’emofilia e la porpora.
– Dello studio dei difetti dell’Emoglobina e di tutte le patologie ad essa collegate: le emoglobinopatie.
– Dello studio delle trasfusioni e delle tecniche trasfusionali.
– Dello studio del midollo osseo e dei trapianti di midollo.
– Della diagnosi e cura delle leucemie, dei linfomi, delle emofilie, del mieloma multiplo, delle anemie, delle leucocitosi, delle linfocitosi reattive, delle piastrinopenie, delle gammopatie monoclonali e delle linfoadenopatie.
Spesso la diagnosi di queste patologie risulta complessa e quando l’Ematologo sospetta una patologia maligna può essere necessario eseguire un agoaspirato midollare per esame morfologico oltre al normale prelievo di sangue con relativo esame del vetrino al microscopio. Tutto ciò risulta necessario per completare la diagnosi e per stabilire una terapia specifica per ogni forma di malattia.

Componenti del sangue

Il sangue è un vero e proprio organo liquido costituito da una componente liquida, chiamata plasma e da una componente cellulare: i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine.
Gli organi emopoietici sono il midollo osseo, la milza, il timo e i linfonodi. 
Il midollo osseo è formato da un particolare tessuto chiamato mieloide ed è deputato alla produzione dei globuli rossi e una categoria di globuli bianchi: i monociti e i granulociti.
La milza, i linfonodi e il timo, invece, sono composti da tessuto linfoide e si occupano di dare origine a una classe di globuli bianchi particolare: i linfociti.

Roma Appia

 La via Appia è la strada romana per eccellenza, non a caso fu definita dal poeta Stazio nel I secolo a.C. come la Regina Viarum. Fu realizzata tra le fine del IV secolo e l’inizio del III secolo a.C. ed è considerata come una delle più grandi opere di ingegneria del mondo antico. La via Appia collegava Roma a Brindisi e il suo punto d’inizio era situato a Porta Capena nei pressi delle Terme di Caracalla. Originariamente il percorso si interrompeva nei dintorni di Terracina, dove occorreva attraversare un canale lungo diciannove miglia, il Decennovium, per raggiungere il tratto successivo di strada percorribile a piedi. Fu costruita nel 312 a.C. per volere del censore romano Appio Claudio Cieco, il quale fece ristrutturare ed ampliare la già esistente via che collegava Roma ai Colli Albani, prolungandola sino a Santa Maria Capua Vetere, passando per Ariccia, Terracina, Fondi, Itri, Formia, Minturno e Mondragone. Dopo la sconfitta di Pirro nel 268 a.C., fu estesa fino a Benevento, conosciuta allora come Maleventum. Sempre nel III secolo venne ampliata sino a Taranto e solo verso il 190 a.C. raggiunse il porto di Brindisi, passando per Troia (FG), Canosa di Puglia e Bari. La strada nasce per agevolare le operazioni militari delle truppe romane dirette verso l’Italiana meridionale durante la seconda guerra sannitica (326 – 302 a.C.), ma contribuì anche ad incrementare il commercio e a diffondere la cultura greca grazie al porto di Brindisi che forniva un collegamento diretto con la Grecia, l’Oriente e l’Egitto. Di fatti nei secoli successivi a Roma si diffusero il teatro, la lingua greca, l’arte e la letteratura ellenica. Modifiche e miglioramenti furono apportati durante il governo degli imperatori Augusto, Vespasiano, Traiano e Adriano. Durante il governo di Traiano non solo il Decennovium fu bonificato e lastricato ma fu realizzata la via Appia Traiana, una diramazione che attraversava la Puglia e collegava Benevento con Brindisi.
Il territorio di Roma rientra in quei territori dove grazie al servizio LISIMED ti è possibile avere tutte le informazioni che ti consentono di prediligere l’ Ematologo a domicilio Roma per soddisfare le tue esigenze

Share This